Pronti per l’Industria 4.0 con i sistemi smart

Mentre ancora si discute sulla portata e sulle potenzialità di Industria 4.0, Bossard lancia una soluzione concreta per le aziende: Smart Factory Logistics. Questa si implementa anche attraverso sistemi intelligenti per la gestione delle parti B e C, come gli SmartBin o le SmartLabel, che permettono un accesso ai dati necessari in tempo reale e rendono disponibili le informazioni all’interno di tutta la supply chain. Le prime esperienze applicative mostrano chiaramente la soddisfazione degli utilizzatori.

di Giorgia Stella

La continua richiesta di diminuzione del time-to-market da parte di clienti che richiedono un livello di servizio sempre più elevato obbliga le aziende italiane a rendere la loro produzione più snella, reattiva ed efficiente.
Bossard, azienda svizzera specializzata nello sviluppo di soluzioni logistiche personalizzate le cui origini risalgono all’ormai lontano 1831, aiuta i propri clienti a rispondere a queste necessità di mercato grazie alle soluzioni implementate nella Smart Factory Logistics, con l’obiettivo di ottenere una Proven Productivity. In questo modo, le aziende di tutto il mondo hanno la possibilità di avere una produzione lean che segue una logica pull ed evita i fermi linea. I sistemi Smart per la gestione delle parti B e C, come ad esempio gli SmartBin o le SmartLabel, permettono un accesso ai dati necessari in tempo reale, rendendo disponibili le informazioni all’interno di tutta la supply chain.

Il sensore di peso alla base del sistema
SmartBin flex è costituito da un sensore di peso collegato a un contenitore. Ogni contenitore è un’entità distinta che può essere integrata con flessibilità in un layout esistente dei punti di utilizzo.
Il sistema si basa su due componenti essenziali: i sensori di peso, innanzitutto, progettati per soddisfare tutti i requisiti di precisione e stabilità; infine, il collaudato software ARIMS, sviluppato proprio da Bossard.
Il dispositivo SmartBin flex può essere posizionato ovunque sia possibile collocare un contenitore tradizionale, anche in posizione inclinata, come spesso avviene nelle postazioni di montaggio. Gli operai possono portare il contenitore alla stazione di lavoro sulla linea di assemblaggio oppure spostarlo da una postazione all’altra, all’insegna della massima flessibilità.

Un’etichetta intelligente per i contenitori
Il sistema SmartLabel di Bossard è un’etichetta intelligente, applicabile su qualsiasi contenitore di magazzino, che consente di visualizzare tutte le informazioni importanti sul prodotto, nonché lo stato in tempo reale dell’ordine e la data di consegna. Gli utenti possono inoltre emettere gli ordini direttamente dal punto di utilizzo con la semplice pressione di un pulsante. Il processo è così semplificato e reso più efficiente. Sono, inoltre, ridotti i Total Cost of Ownership (TCO) e i clienti hanno a disposizione più tempo per le attività a valore aggiunto.
Il display della SmartLabel è basato sulla tecnologia e-paper, che lo rende leggibile in modo ottimale in tutte le condizioni d’illuminazione; allo stesso tempo, la batteria a lunga durata garantisce una manutenzione minima.

La Smart Factory Logistics in azione: verso l’azzeramento dei fermi produzione
“Con queste competenze chiave, Bossard offre ai clienti un pacchetto completo per affrontare le sfide della quarta rivoluzione industriale”, afferma Davide Di Marzo, general manager di Bossard Italia. Questo tipo di servizi è integrato con un portafoglio di elementi di fissaggio meccanici ed elettrici, insieme ai servizi tecnici e di consulenza che permettono di ottimizzare i processi produttivi. In Italia sono moltissime le realtà produttive che si sono affidate a Bossard e che hanno implementato i sistemi Smart nei loro stabilimenti. Tra queste rientra Microelettrica Scientifica S.p.A. (MS), azienda attiva nella produzione di diverse tipologie di prodotti in ambito sia ferroviario che industriale, che collabora con Bossard fin dal 2011. La spinta verso i sistemi Bossard è sorta proprio dal reparto acquisti di MS che, convinto anche dalla qualità e dai prezzi dei prodotti Bossard, ha optato per intraprendere la strada della Smart Factory Logistics.
Grazie a questa scelta è stato possibile risolvere problemi di inesattezza delle distinte basi. In questo modo, tutte le componenti sono sempre disponibili e l’eventualità di fermi produzione è limitata.
Allo stesso tempo è stato possibile abbattere del 30% la quantità di minuteria presente nel magazzino grazie a una gestione più efficiente, che si adatta alle necessità della produzione. Ad oggi, nello stabilimento di Buccinasco di MS, gli SmartBin sono utilizzati per diverse esigenze: come buffer per la minuteria dove gli operatori possono prelevare il materiale per poi trasportarlo nelle postazioni di lavoro nonché direttamente in linea, seguendo quindi in ottica lean la necessità di avere il materiale a disposizione dove necessario.

Quattro tipi di vantaggi riscontrati
“Con l’installazione dei sistemi Smart di Bossard abbiamo riscontrato diversi tipi di vantaggi, che possiamo raggruppare in tattici, strumentali, strategici e tecnici”, racconta Paolo Lambardi, Back Line Process Leader di Microelettrica Scientifica.
“Dal punto di vista tattico, abbiamo risolto il problema di non avere mai mancanza di materiale in linea di produzione. Dal punto di vista strumentale, ogni problematica legata all’approvvigionamento del bene è a carico di Bossard e MS ha quindi maggior tempo e risorse a disposizione. Bossard gestisce anche il magazzino di un nostro terzista, occupandosi dell’approvvigionamento e della consegna del materiale necessario. In sostanza, si ottimizza l’arrivo del materiale e non si impegnano risorse interne. A livello strategico, il rapporto con un fornitore del calibro e dell’importanza di Bossard può essere configurato come un concetto di partnership. Infine, per quanto riguarda l’aspetto tecnico, Bossard è un fornitore di rilevanza mondiale che ci assicura il rispetto di ogni norma e la capacità di dare risposte alle costanti nuove esigenze tecniche. Possiamo affermare che Bossard ha fornito la soluzione ai nostri problemi legati a questo ambito di prodotti”.

Fornitori snelli per uno sviluppo in ottica 4.0
Per illustrare il punto di vista di Bossard, il general manager Davide Di Marzo parla dei motivi per cui è possibile considerare Microelettrica Scientifica S.p.A. un esempio di Proven Productivity.
“Non abbiamo dovuto convincere MS a lavorare con Bossard, il comune obiettivo era e rimane quello di ottimizzare i processi di Supply Chain e MS era ed è fortemente orientata a un concetto di Lean Manufacturing. Eravamo consapevoli che questi obiettivi non sarebbero stati facili da raggiungere ma i risultati ottenuti dal cliente hanno parlato per noi. Questo è ciò che intendo per Proven Productivity. Siamo orgogliosi di dire che MS è uno dei nostri maggiori clienti nel Nord Italia. Condividendo gli stessi valori, la collaborazione si è sviluppata nel tempo grazie a uno scambio continuo di dati che ha permesso un incremento delle aree produttive gestite mediante i nostri sistemi. L’integrazione orizzontale e verticale all’interno della catena del valore è fondamentale per riuscire a soddisfare al meglio le richieste del mercato: poter contare su fornitori snelli come Bossard è indispensabile per pensare a uno sviluppo in ottica 4.0”.